Fossili ascrivibili a questa famiglia di dinosauri sono stati rinvenuti in quasi tutti i continenti: nelle due Americhe, in vari punti dell’Europa, in Africa settentrionale e nel Madagascar, nell’Asia meridionale e in Cina, in Australia.
Sebbene essi siano stati dunque molto diffusi sulla Terra, i reperti restano drammaticamente incompleti, e ancora non si è ritrovato nulla della testa.
Non stupisce, perciò, che ancora oggi i paleontologi nutrano seri dubbi sulla validità tassonomica di questa famiglia di saurischi quadrupedi ed erbivori. Ciò nonostante, si distinguono vari generi: fra quelli più conosciuti, Haplocanthosaurus, con i suoi 21 metri e mezzo di lunghezza, era certamente il più grande. Altri generi sui quali vi è un certo accordo sono Volkheimeria , Rhoetosaurus , Patagosaurus, Austrosaurus e Cetiosaurus, tutti di randi dimensioni: lunghi dai 12 ai 21 metri, potevano pesare fino a 5 tonnellate circa.
Vissuti in pieno Giurassico, questi dinosauri hanno creato non pochi problemi ai paleontologi: il nome stesso scelto per loro ("cetiosauri", letteralmente "sauri-balena") riporta alla mente la prima interpretazione data di una vertebra fossile, proveniente dalla contea di Oxford, in Gran Bretagna. Fu Cuvier, nel 1830, a riconoscere quest’osso come appartenente a un antico cetaceo; dieci anni dopo, Owen vi riconobbe le caratteristiche di un rettile, e lo attribuì a un coccodrillo di enormi dimensioni.
Quasi trent’anni più tardi, Huxley lo identificava finalmente come appartenente a un dinosauro: da allora si cerca con molta difficoltà di ricostruire un identità verosimile per questi animali ancora misteriosi.
Attualmente l’ipotesi più accettata ritiene che i cetiosauridi fossero animali con un corpo grande e tozzo, una lunga coda e un collo quasi altrettanto lungo (anche se non di dimensioni paragonabili a quelle di altri sauropodi contemporanei). Una caratteristica tipica di questo gruppo di dinosauri è la presenza di fenditure nelle spine vertebrali del collo e della coda: la più recente interpretazione di queste formazioni ossee le considera la sede di un legamento che conferiva solidità e sostegno al collo e alla coda, unendo trasversalmente fra loro le vertebre.
Un simile sistema di legamenti avrebbe connesso il collo e la coda in modo più stretto di quanto non succedesse in altri dinosauri: è probabile che nei cetiosauridi il collo e la coda costituissero un sistema bilanciato che conferiva stabilità al movimento dell’animale. Il peso considerevole si scaricava sulle quattro zampe, e in particolare su quelle posteriori, più sviluppate e forti di quelle anteriori. Poco si può dire sulla testa, mancando ogni conferma fossile: per analogia strutturale con gli altri sauropodi, si ipotizza che fosse piccola, e che avesse una bocca dotata di denti a cucchiaio, anche se certamente questi animali (nonostante il loro nome) non erano acquatici: come i diplodocidi e gli apatosauridi, infatti, vivevano con molta probabilità sulla terraferma nutrendosi di foglie e semi di conifere. Si può supporre anche che i cetiosauridi, come forse altri sauropodi, fossero in grado di sollevarsi sulle zampe posteriori appoggiandosi alla coda sia per raggiungere rametti più alti, sia per difendersi dall’attacco di un predatore agitando le zampe anteriori: le dita terminano tutte con un forte artiglio che certamente poteva contribuire attivamente alla difesa dall’assalto di un carnivoro.

Ceratosauridi Percorsi di navigazione Deinocheridi

Periodi dell'Era Mesozoica
Triassico|Giurassico| Cretaceo

I Dinosauri da Record

Argomenti del Periodo Triassico
Inizio del Periodo Triassico| L'epoca dei Dinosauri| L'origine dei Dinosauri
I primi Dinosauri| I Dinosauri erbivori| Il ritorno al mare
Rettili che si nutrono di Organismi Marini| Rettili volanti e Rettili plananti
I Paracadutisti
Argomenti del Periodo Giurassico
Le ammoniti| I Pesci Lucertola| Il Plesiosauro| I Coccodrilli
Le Piante terrestri del Giurassico| I Dinosauri più grandi
I Brontosauri acquatici|I Dinosauri Carnivori| I Dinosauri Aculeati
Le Mandrie di Erbivori| Rettili volanti rivestiti di Pelliccia
I Mammiferi con Pelliccia| Gli Atolli del Giurassico a Solenhofen
Il primo Uccello: Archaeopteryx| Il Ginkgo

Argomenti del Periodo Cretaceo
Le Praterie del Cretaceo|Artigli| I Mari di Gesso| I Serpenti di Mare
Gli Insetti del Cretaceo| I Primi Fiori| I Dinosauri Corazzati
I Dinosauri Zucconi| I Dinosauri dotati di corna
I Dinosauri a Becco d'Anitra| L'Asilo-nido dei Dinosauri| Il Tyrannosaurus Rex
Duello Mortale| I Dinosauri Struzzo| Una Corazza Particolare
Gli Uccelli dentati del Cretaceo| L'Ascesa degli Uccelli| Il Quetzalcoatlus
I Mammiferi notturni

L'estinzione dei Dinosauri: catastrofe improvvisa o morte lenta?

Famiglie
Adrosauridi| Allosauridi| Ankilosauridi| Archeopterigidi| Barionichidi|
Brachiosauridi| Camarasauridi| Celofisidi| Celuridi| Ceratopsidi|
Ceratosauridi| Cetiosauridi| Deinocheridi| Diplodocidi| Eterodontosaundi|
Fabrosauridi| Iguanodontidi| Ipsilofodontidi| Megalosauridi| Nodosauridi
| Ornitomimidi| Pachicefalosauridi| Plateosauridi| Protoceratopsidi| Spinosauridi
| Stegosauridi| Teratosauridi| Tirannosauridi| Titanosauridi|

DinoRings



View my Graphic Web Graphic by Bora

Mail to Bora Sign and View my Guestbook
Affida la tua mail al mio postino...
È lento ma arriva sempre!
Corri anche tu a firmare
il mio guestbook



Quick-Mail
Name:
E-mail:
Message to Webmaster:


Visitors: